USB C: è Diventato Obbligatorio il Nuovo Cavo dei Caricabatterie

Aggiornato:
min. | Tempo di Lettura
Cambio Operatore con Offerta InternetCambia Operatore con Selectra

Cambia operatore: 150 GB in 5G a partire da 7,95 €/mese!

Servizio Gratuito di confronto e attivazione offerte disponibile dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 13

Risparmia Internet con SelectraRisparmia Internet con Selectra

Cambia operatore: 150 GB in 5G a partire da 7,95 €/mese!

Servizio Gratuito di confronto e attivazione offerte disponibile dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 13

Caricabatterie USB C
In Europa diventa obbligatorio il Cavo di Ricarica di tipo USB C

A ricordarlo è la Commissione Europea in un Tweet del 30 dicembre scorso: dal 1 gennaio 2024 è diventato obbligatorio il nuovo cavo universale per i caricabatterie e i dispositivi elettronici in Europa, il tipo USB C. Permetterà di avere una migliore tecnologia di ricarica, una grossa riduzione dei rifiuti elettronici e meno problemi nel reperirne uno nuovo nel caso in cui quello che possiedi dovesse danneggiarsi.

Iscriviti al Nostro Canale Telegram

Resta aggiornato: iscriviti al Canale Telegram!

Cavo USB C: un'Unica Soluzione di Ricarica Uguale per Tutti

esempio cavo USB C
Esempio di Cavo USB C

Nell'ottica di ottimizzare le risorse, ridurre i rifiuti elettronici e mettere a disposizione dei cittadini soluzioni convenienti, innovative e funzionali, la Commissione Europea ha lavorato negli scorsi anni anche sul tema della ricarica dei dispositivi elettronici. Sin dalla loro introduzione nella nostra vita quotidiana, infatti, gli smartphone sono sempre stati caratterizzati da caricabatterie brandizzati. 

Marchi come Samsung e Huawei, per esempio, hanno spesso utilizzato lo stesso tipo di cavo di ricarica; altri marchi, invece, se ne sono discostati dando vita a prodotti specifici utilizzabili solo sui dispositivi proprietari. Con i vecchi modelli di iPhone, per esempio, e si aveva la necessità di ricaricare il proprio smartphone, accadeva spesso di dover chiedere "il caricabatterie per iPhone" non potendone, infatti, utilizzare altri.

La notizia dell'obbligatorietà del cavo USB C in Europa a partire dal 1 gennaio 2024, è stata data già diverso tempo fa: tutte le aziende produttrici di dispositivi elettronici, quindi, sono state informate da tempo su questo cambiamento e hanno avuto modo di adattare i loro devices di ultima generazione per poterli adeguare alle attuali esigenze.

Tra i benefici di questo importante cambiamento ci sono la maggiore convenienza per i consumatori, il minore impatto ambientale legato alla produzione e allo smaltimento dei caricabatterie e l'innovazione.

Non Solo Smartphone: Tutti i Dispositivi che Avranno il Cavo USB C

La normativa disposta dalla Commissione Europea non riguarda soltanto gli smartphone ma tutti i dispositivi elettronici che sono dotati di un sistema di ricarica via cavo. Oltre ai telefoni cellulari, quindi, il nuovo tipo di cavo USB C sarà predisposto, per esempio, anche su:

  • tablet;
  • fotocamere digitali;
  • cuffiette e altoparlanti portatili;
  • console per videogiochi portatili;
  • e-readers;
  • mouse e tastiere per PC;
  • chiavette internet.

In più, a partire dal 2026 la stessa normativa diverrà obbligatoria anche per i PC. Questo periodo di transizione permetterà nuovamente alle aziende produttrici di adeguarsi e farsi trovare pronte.

I produttori, inoltre, hanno l'obbligo anche di comunicare chiaramente le caratteristiche di ricarica dei dispositivi commercializzati dando informazioni precise anche sulla potenza richiesta dal device e se supporta o meno la ricarica rapida. Queste informazioni permetteranno ai consumatori di capire se i caricabatterie che possiedono sono compatibili con i nuovi dispositivi e li aiuteranno eventualmente a selezionarne altri.

Maggiore Risparmio per i Cittadini e Tecnologie all'Avanguardia

Grazie alle nuove direttive europee che regolamentano i dispositivi di ricarica, i cittadini avranno a disposizione un cavo di ricarica di ultima generazione che permette anche di uniformare i tempi e la velocità di ricarica. In più, avremo la possibilità di poter acquistare nuovi smartphone o dispositivi elettronici senza la necessità di dover acquistare parallelamente anche il cavo di ricarica: basterà semplicemente utilizzarne uno di tipo USB C compatibile con la potenza richiesta dal dispositivo. 

La Commissione Europea, in particolare, stima che questo cambiamento ridurrà la quantità di rifiuti elettronici di 980 tonnellate l'anno.

Iscriviti al Nostro Canale Telegram

Resta aggiornato: iscriviti al Canale Telegram!

Ti potrebbe interessare anche